FeaturedServizi

Carraro Spa è tra i migliori rivenditori d’Italia

AutoScout24 premia i migliori rivenditori italiani: oltre 850 i certificati di eccellenza assegnati sulla base dei giudizi degli utenti.

TREVISO – Carraro Spa è una delle migliori concessionarie di auto d’Italia, secondo la valutazione effettuata dagli utenti di AutoScout24, il più famoso Marketplace di auto leader in Europa. Il giudizio espresso dai visitatori della piattaforma, attraverso i parametri: impressioni generali, reperibilità, affidabilità, descrizione dell’annuncio e procedura d’acquisto, ha premiato la strategia di trasparenza e orientamento al cliente di Carraro Spa, con un punteggio che lo ha portato in cima alla classifica grazie al numero totale di recensioni ricevute e alla media del punteggio di rating 4,3 / 5 . Un risultato in linea con la soddisfazione generale degli italiani nei confronti dei rivenditori di auto, attestata dalle 100.000 valutazioni su AutoScout24 Italia.

Portare trasparenza nel mercato dell’auto è una delle priorità di AutoScout24, che ha lanciato nel corso degli ultimi anni numerosi prodotti e servizi in questo senso. Oltre alle recensioni dei concessionari, diventate ormai standard nel settore vanno in questa direzione features quali la valutazione dei prezzi e, da ultime, immagini a 360° degli annunci.

La convinzione di AutoScout24 è che da un mercato trasparente traggano vantaggio entrambe le parti della transazione, sia acquirenti che venditori. La fiducia degli utenti premia i rivenditori anche nelle vendite: chi ha un rating positivo su AutoScout24 può ricevere infatti fino al 50% di richieste in più della media.”

Ruggero Carraro, amministratore delegato di Carraro Spa, entusiasta del punteggio di rating raggiunto, ringrazia gli utenti per la fiducia e la stima mostrata nell’ultimo anno, affermando che continuerà il lavoro dell’azienda con il fine di migliorare l’esperienza d’acquisto dell’utente e rendere pertanto ogni processo sempre più chiaro, affidabile, semplice ed efficace.

Articolo precedente

“Gelsomina”: cucina e territorio

Articolo successivo

Dario De Bastiani: questo piccolo grande editore

Sull'Autore

admin

admin